Bonus Carburante imponibile contributivo

Il buono carburante fino a 200 euro è esente ai fini fiscali ma non contributivi.

Si rammenta che, salvo successivi interventi volti a modificare il limite di esenzione dei fringe benefit (come accaduto nel 2022, anno in cui questo limite è stato incrementato, dapprima, a euro 600 dal Decreto Aiuti bis e, successivamente, a euro 3.000 dal Decreto Aiuti quater), i dipendenti potranno godere, nel 2023, di beni e servizi esenti, dal punto di vista fiscale, fino al valore di 458,23 euro annui, di cui euro 200 per bonus carburante ed euro 258,23 per l’insieme di altri fringe benefit. il bonus carburante assegnato nel 2023 si cumula alla generale esenzione fiscale di 258,23 euro, costituendo un benefit ulteriore, diverso e autonomo rispetto ai fringe benefit, come già previsto per la precedente versione del benefit.

Diverso, invece, il regime previdenziale cui il Decreto carburanti ha sottoposto il bonus carburante erogabile nel 2023. In sede di conversione, il D.L. n. 5/2023 ha disposto che il bonus carburante assegnato nel 2023 concorre alla formazione della base imponibile previdenziale del beneficiario ed è interamente assoggettato a contribuzione.

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + 5 =